Osttiroler Museumstage 2023

Antichi collegamenti: Lo scambio storico tra il Cadore e l’Alta Val Pusteria

Il 25 maggio scorso, a Castel Heinfels, sono stati presentati i risultati del progetto "Conoscere la storia e il patrimonio culturale nella regione Dolomiti Live" nell'ambito del programma di finanziamento UE INTERREG V-A Italia-Austria 2014-2020 / CLLD Dolomiti Live / ITAT4205.

In passato il castello di Heinfels, come sede della giurisdizione locale fu al centro delle vicende in Pusteria ed ebbe talora contatti con il Cadore. È sorprendente quanto un tempo, la reciproca conoscenza tra la Val Pusteria e Cadore fosse per certi
versi maggiore di oggi.

L'obiettivo del progetto diretto da Curti Covi è proprio quello di far conoscere gli antichi legami, oggi quasi dimenticati tra le due regioni, soprattutto alle ragazzi ed ai ragazzi tra i 10 e i 16 anni. A tal fine, sono stati sviluppati un opuscolo e un laboratorio che invitano i ragazzi a riflettere ed ad utilizzare attivamente la nuova sala didattica del Castello di Heinfels - in pieno spirito Interreg, intendere la storia come qualcosa di comune, a vivere confini linguistici o amministrativi non come barriere impenetrabili ma come luoghi di incontro nello spirito europeo.

Curti Covi: "La Val Pusteria tirolese e il Cadore hanno collaborato per secoli al di là dei confini linguistici e culturali, molto più strettamente di quanto si vorrebbe far credere". Il legname tirolese, ad esempio, andava a sud, passando anche le forcelle della cresta carnica, mentre il minerale di ferro veniva spedito a nord dal Cadore; il sale veniva commerciato in entrambe le direzioni. Naturalmente, ai periodi di collaborazione reciproca si sono afiancati anche tempi conflittuali.

Obertilliach

Un tempo grandi quantità di legno venivano trasportate a sud attraverso il Tilliacher Joch (sullo sfondo).

"Si trattava di potere e risorse, ma anche di conflitti per il pascolo tra pastori e agricoltori. Soprattutto a questo proposito, è affascinante quanto fosse sofisticata la giurisdizione internazionale, attraverso i confini, già a quel tempo", osserva Curti Covi. Un passo importante verso la risoluzione definitiva del conflitto tra l'Impero austriaco e la Repubblica di Venezia fu la determinazione dell'esatto tracciato del confine nel 1753 attraverso la mappatura, il rilevamento e la marcatura con i famosi cippi di confine.

Durante la presentazione del progetto, i rappresentanti dell'Associazione Museumsverein Burg Heinfels e della Magnifica Comunità del Cadore hanno nuovamente sottolineato la buona collaborazione tra di loro, in veste di partner. In passato sono già stati realizzati quattro progetti Interreg congiunti ed un altro è in preparazione. I partner di progetto sono sostenuti dal Regionalmanagement Osttirol e dal GAL Alto Bellunese.

Interreg-Projektvorstellung

Da sinistra a destra: Gina Streit (RMO), Curti Covi (direzione del progetto), Bernhard Origer (ditta Loacker), Iolanda Da Deppo (GAL Alto Bellunese), Matteo Da Deppo (Magnifica Comunità del Cadore), Peter Leiter (Museumsverein Burg Heinfels).

logoleiste-interreg

Download Brochure del progetto (2,9 MB)

 

 

Torna indietro

BLOG

Archiv

La nuova stagione museale inizia il 2 maggio 2024. In inverno continueremo ad aprire il castello per gruppi di almeno 10 persone su prenotazione, ma saremo lieti di aprirlo anche per gruppi più piccoli ad un prezzo forfettario.

 

L'anno a Castello di Heinfels è stato caratterizzato da un museo molto frequentato, concerti, mostre e attività emozionanti. Il castello rimane un importante punto di riferimento culturale nel Tirolo orientale e non solo.

"The Runway Quartet" ha portato Broadway in Tirolo l'8 luglio: Dragan Trajkovski, Robert Gmachl-Pammer, Craig Hansford e Florian Bramböck hanno regalato entusiasmo e molti bis davanti a un pubblico tutto esaurito.

Il 25 maggio scorso, a Castel Heinfels, sono stati presentati i risultati del progetto "Conoscere la storia e il patrimonio culturale nella regione Dolomiti Live" nell'ambito del programma di finanziamento UE INTERREG V-A Italia-Austria 2014-2020 / CLLD Dolomiti Live / ITAT4205.

Il 4 maggio il Castello di Heinfels darà nuovamente il via a una nuova stagione museale e di eventi. Si prevede un programma vario e colorato che attirerà molti visitatori. Per la prima volta, nelle sale del futuro Burgschänke sarà allestita una mostra speciale insieme al "Tiroler Photoarchiv" (TAP).

I gheppi del Castello di Heinfels nidificano da molti anni in una nicchia nel muro della torre della cucina, costruita nel XIV secolo. Ogni anno, quattro o cinque giovani falchi si schiudono e fanno i loro primi tentativi di volo. Per la prima volta, i falchi possono esser osservati dal vivo grazie a una "falcon cam" installata di recente.

Siamo in pausa invernale dal 6 novembre e inizieremo la nuova stagione museale con motivazione il 4 maggio 2023. In inverno, continuiamo ad aprire il castello per gruppi di 10 o più persone su appuntamento - visite guidate al castello (tempo permettendo) qui!
!

Dopo l'avvio dello scorso anno, il "Natale del Castello di Heinfels" si svolgerà per la seconda volta in un ambiente storico: Le associazioni locali vi invitano a visitare il castello di Heinfels il 17 e 18 dicembre per una giornata ricca di atmosfera.

Il museo ha contato 12.500 visitatori nella stagione 2022, con un leggero aumento rispetto all'anno precedente. Inoltre, 2.400 ospiti si sono recati al castello per vari eventi e occasioni, come matrimoni e concerti.

Piccoli concerti di ensemble d'eccezione in un ambiente storico: questo è il motto delle esibizioni durante l'Estate del Castello di Heinfels 2022. Il cortile rinascimentale e la Sala Lunga sono le sedi di un'esperienza musicale speciale nel più grande complesso castellano della Val Pusteria.

Mercoledì 3 agosto alle 14.30 invitiamo le famiglie con bambini a partire dai 3 anni a fare una magica visita al Castello di Heinfels. Un'ora da favola per grandi e piccoli!

Ogni giovedì sera fino al 8 settembre c'è la "Lunga notte" al Castello di Heinfels. Un'esperienza speciale per tutti coloro che vogliono godersi il complesso medievale a un'ora tarda.