Un giorno di festa per la "Regina della Val Pusteria"

Un anno dopo l'inizio delle operazioni del museo, il castello di Heinfels potrebbe finalmente essere aperto ufficialmente per il suo scopo.

Già nel 1838, il teologo e scrittore di viaggi Beda Weber descrisse la più grande fortezza della Val Pusteria come la "regina che si libra nell'aria". Per qualche ora, alla vigilia del suo grande giorno di festa, è stata coperta da un abito colorato di luce. Sabato 18 settembre, la cerimonia di apertura ufficiale ha avuto luogo in un tempo autunnale imperiale. Il presidente dell'associazione del museo, Josef Steinringer, insieme al governatore Günter Platter in testa, ha dato il benvenuto a numerose personalità della politica e dell'economia che hanno contribuito significativamente alla rivitalizzazione del castello storico negli ultimi sette anni. Steinringer: "Siamo grati che uno sforzo congiunto della famiglia proprietaria, del settore pubblico e di molti sponsor e mecenati privati sia riuscito a restaurare questo gioiello negli ultimi anni".

 

Christine Brugger moderierte den Festakt
Christine Brugger ha guidato attraverso il variegato programma nel gremito cortile interno.

 

Nel 2007, la famiglia di imprenditori e produttori di wafer Loacker dell'Alto Adige, con un impianto di produzione a Heinfels che attualmente impiega 400 persone, ha acquisito Castel Heinfels. In coordinamento con i comuni di Sillian e Heinfels, la ristrutturazione del castello in rovina è stata affrontata nel 2016 dopo diversi anni di pianificazione. "Con questo progetto, vogliamo restituire qualcosa alla regione, che ci ha accolto a braccia aperte. In un partenariato pubblico-privato, Castel Heinfels diventerà di nuovo il centro della vita pubblica dell'Alta Pusteria - in termini culturali e turistici", dice Ulrich Zuenelli, che rappresenta la famiglia proprietaria.

 

Leiter, Zuenelli-Loacker, Steinringer
Christine Zuenelli-Loacker riceve l'appartenenza onoraria all'Associazione del Museo del Castello di Heinfels.
Da sinistra: Peter Leiter, Christine Loacker-Zuenelli, Josef Steinringer

 

Durante la cerimonia, Christine Zuenelli-Loacker è stata premiata come membro onorario dell'Associazione dei musei e con l'anello d'onore del comune di Heinfels per i suoi servizi. Anche l'ex governatore provinciale Herwig van Staa, che come presidente della Fondazione provinciale per i monumenti commemorativi del Tirolo ha contribuito in modo significativo al successo del più grande progetto di restauro secolare del Tirolo degli ultimi anni, è stato premiato come membro onorario.

Nei suoi saluti, LH Günther Platter ha ringraziato le persone coinvolte nel progetto, in particolare la famiglia Loacker, e ha sottolineato l'importanza del sito. "Vedo anche il castello di Heinfels come una struttura importante per l'intera EUREGIO. Il nostro spazio vitale è l'intero Tirolo, e lavorerò affinché una riunione congiunta dei governatori provinciali EUREGIO possa avere luogo qui", ha detto Platter.

 

LH Günther Platter

 

Il decano Anno Schulte-Herbrüggen ha benedetto la "Regina" al suono della campana del castello consacrata a maggio. Con il taglio del nastro rosso, il castello Heinfels è stato ufficialmente aperto. I 170 invitati hanno trascorso il resto della giornata storica visitando il museo e gustando specialità regionali.

 

Foto: Martin Bürgler

Torna indietro

BLOG

Archiv

Dopo due eventi di successo, la terza edizione dello spettacolare evento "Conte di Castello 2022" si svolgerà il 1° luglio 2022. La partenza è presso la storica "Punbrugge", l'arrivo ancora una volta all'ultimo livello del torrione. I sprinter devono percorrere una distanza di 1,1 km, 140 metri di dislivello e 265 passi per arrivare a destinazione.

La 25ª edizione dell'Alta Pusteria International Choirfestival ha portato alcuni cori al Castello di Heinfels per la prima volta! Sabato 18 giugno, cori provenienti dall'Italia si sono esibiti nella suggestiva cornice storica della più grande fortezza della Val Pusteria.

Al nostro tour del castello è stato recentemente aggiunto un telescopio Viscope! Con un solo sguardo attraverso il telescopio si ottengono le informazioni più importanti sui punti panoramici, come le cime delle montagne o i luoghi della regione.

Non vediamo l'ora di iniziare regolarmente la nuova stagione il 1° maggio! Oltre alla nostra visita guidata del castello storico, puoi anche esplorare le aree esterne, le piattaforme e il mastio per conto tuo durante il tour panoramico. In estate, molti eventi vi invitano a visitare il castello!

Una prima è il "Natale del Castello di Heinfels" in un ambiente storico: La Musikkapelle Heinfels e la Jungbauernschaft/Landjugend Panzendorf vi invitano a giornate suggestive al castello di Heinfels il 26 e 27 dicembre - con specialità regionali e musica natalizia.

Il museo ha aperto già a maggio, ma solo a luglio sono cadute le restrizioni di viaggio. Alla fine della stagione, il 7 novembre, sono stati contati 12.372 visitatori al castello Heinfels.

Per la prima volta siamo stati in grado di accogliere più di 10.000 visitatori al Castello di Heinfels in una stagione. Siamo stati molto felici di questo insieme ai nostri ospiti dalla Germania!

Un anno dopo l'inizio delle operazioni del museo, il castello di Heinfels potrebbe finalmente essere aperto ufficialmente per il suo scopo.

Il castello di Heinfels ospita una serie di eventi di prima classe in luglio e agosto - dal "Conte di Castello", la spettacolare corsa della torre, ai concerti da camera con archi e corni, a un evento musicale molto speciale.

Dopo più di 200 anni, una campana suona di nuovo a Castel Heinfels. Il vescovo Hermann Glettler ha consacrato la nuova campana dell'angelo custode il 9 maggio.

Novità dell'inizio della stagione 2021: le aree esterne del castello di Heinfels possono essere esplorate da soli nell'ambito della visita panoramica durante gli orari di apertura! Non appena le condizioni lo permetteranno, avranno luogo anche le nostre visite guidate nel vasto parco del castello.

Solo raramente il castello sperimenta tali inverni; per settimane il complesso è rimasto sotto uno spesso strato di neve di oltre 150 cm. Le strade di accesso non potevano essere tenute libere e solo con difficoltà si potevano raggiungere le parti più importanti del castello.